Blog dedicato all’arte contemporanea, al riciclo creativo, alla scultura, all’arredamento, al design, alla fotografia e a tanto altro ancora, con un occhio di riguardo alle forme tonde che ci circondano quotidianamente.

Un Blog dove trovare cibo per la mente, carezze per l'anima, idee originali e non, spunti per la vita quotidiana, pensieri artistici, sogni ad occhi aperti, desideri comuni, creatività lontane e abbracci non dati.

Arte a 360°

martedì 27 luglio 2010

A Sherazade

Le mille e una notte è una celebre raccolta di novelle orientali. È centrata sul Re Persiano Shahriyar che, essendo stato tradito da una delle sue mogli, ha deciso di uccidere sistematicamente le sue spose al termine della prima notte di nozze. La bella Sherazade , andata in sposa al re, escogita un trucco per salvarsi: ogni sera racconta al re una storia, rimandando il finale al giorno dopo. Va avanti così per mille e una notte; e alla fine il re, innamoratosi, le rende salva la vita.
Voglio dedicare il mio "Sole d'altri Mari" alla Regina Sherazade che grazie all' immancabile fantasia, alla capacità di persuasione e all'innato fascino  seduttivo,  riuscì a non cedere mai alla paura, forse cullando l'idea di raggiungere un giorno, lidi lontani e soli d'altri mari.


                                            
"Sole d'altri Mari" è un grande pannello decorativo di forma circolare (66 cm di diametro), interamente lavorato a mano, realizzato con sete pregiate, ottone, perle di vetro, e taaaaaaanto altro ancora,  comprese 45 ore (circa) di lavorazione. Non è in vendita.
Fonte: Wikipedia

10 commenti:

  1. Caspita che meraviglia!!! E che colori!!
    Adoro le storie di Sherazade =D

    RispondiElimina
  2. Non sapevo questa storia! Interessante!

    Se non avessi messo la seconda foto, non avrei mai pensato che fosse fatto anche di stoffa! Sembra dipinto!

    RispondiElimina
  3. Beh se lo fosse costerebbe una cifra enorme! BELLISSIMO.

    RispondiElimina
  4. Non ho ancora letto il capolavoro citato, comunque penso che Sharazade simboleggi sia il potere per così dire di incanto della letteratura, che quello... della donna.
    Molto bello il "Sole d'altri mari", che mi fa pensare all'arte degli indios.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. @ Tutti
    Grazie per i complimenti!

    RispondiElimina
  6. Che spettacolo! Anch'io non pensavo che fosse in stoffa. E' un mandala bellissimo! Ciaoooo pia

    RispondiElimina
  7. Grazie Pia,puoi sicuramente capirne la fatica e l'impegno.
    Ciao e grazie per essere passata a trovarmi.

    RispondiElimina
  8. Non credo di sbagliare: sono i colori della Sardegna!

    RispondiElimina
  9. @ Pietro
    Ciao Pietro,
    quando ho pensato alla realizzazione di "Sole d'altri Mari", la prima cosa che mi è apparsa subito chiara era l'intenzione di dare a questo "Tondo"( nome del marchio e del modello registrato), uno stile arabeggiante. La Sardegna, a causa della sua posizione strategica in mezzo al Mediterraneo, è stata spesso invasa dagli arabi che della loro cultura hanno lasciato tantissimo, compreso i colori.
    "Sole d'altri Mari" è il frutto di questo insieme di considerazioni, e di tanto altro.
    A presto,
    Simona

    RispondiElimina

LinkWithin

Ti potrebbe anche interessare...