Blog dedicato all’arte contemporanea, al riciclo creativo, alla scultura, all’arredamento, al design, alla fotografia e a tanto altro ancora, con un occhio di riguardo alle forme tonde che ci circondano quotidianamente.

Un Blog dove trovare cibo per la mente, carezze per l'anima, idee originali e non, spunti per la vita quotidiana, pensieri artistici, sogni ad occhi aperti, desideri comuni, creatività lontane e abbracci non dati.

Arte a 360°

mercoledì 10 novembre 2010

Un po' di me

L' iter per la fecondazione assistita procede, la strada però  è sempre più faticosa sia per il corpo che per la mente -MA- vado avanti senza troppe chiacchiere. 
Manca meno di un mese all' espianto degli ovociti e a giorni inizierò le cure ormonali più intensive e notoriamente più gravose, aggiungerò agli ormoni che già prendo un altro potente farmaco sotto forma di spray nasale e poi gradualmente  altri ormoni.
Lo spray nasale in questione, si usa solo in due casi: il carcinoma prostatico per l'uomo(ovvio!) e la stimolazione ovarica preimpianto per la donna.
La cosa che trovo ingiusta è che all'uomo il farmaco viene passato dalla mutua, invece, alla donna no anche se si  sottopone a terapie invasive ed estremamente rischiose come le mega cure ormonali, non c'è nulla da fare, se  lo deve pagare.
Lungi da me mettere sullo stesso livello un tumore con la fecondazione assistita ma cavolo, anche una donna non affronta un percorso facile!
E' giusto secondo voi ?
Intendiamoci, non sono certo i 40 euro a confezione a spaventarmi ma è il principio; possibile che si facciano discriminazioni in situazioni al limite come queste?
Neanche mi dovessi rifare la faccia con il botulino, dico io!
Comunque ieri sono stata al Centro a fare la visita con l'anestesista e ci siamo fatti anche un sacco di risate; sono fatta così, quando le cose si fanno più serie e difficili, dimentico la paura e mi esce fuori un umorismo...quasi grottesco che mi aiuta tantissimo.
E' la quinta volta che, per molteplici e svariati motivi..., entro in sala operatoria ma questa è la prima volta che ha a che fare con il "progetto figlio" ed è anche la prima che me la caverò solo con una  blanda anestesia che consiste in 10 minuti di un gas che dovrebbe farmi dormire sonni tranquilli mentre chi fa le veci della cicogna si diverte a scovare ovociti nelle mie gigantesche e dolenti ovaie.
Ecco cari miei, questo è quanto!
Ci tenevo a farvi avere qualche notizia in più visto che ho deciso di condividere con voi piccoli frammenti del percorso, inoltre in questo modo è più facile capire perchè ultimamente la voglia di scrivere  e pubblicare materiale scarseggi e non poco, sono presa da questa situazione dalla cima dei capelli fino alla punta dei piedi, comunque, vi penso e vengo sempre dalle vostre parti  a sbirciare e a lasciare qualche commento.
Vi abbraccio tuuuuuuuuuuutti e vi ringrazio!



27 commenti:

  1. Ti dico solo una cosa: in bocca al lupo di cuore, cacchio!!!!

    RispondiElimina
  2. Cara Heidi, sei una grandissima Donna!! e grazie per aver deciso di condividere questa parte della tua vita, cosi importante e delicata!
    Dai coraggio ad altre donne!! Un'abbraccio forte!!!

    RispondiElimina
  3. Forza che manca poco. Nel mio piccolo cerco di sostenerti e di abbracciarti forte forte.
    Un bacino.

    RispondiElimina
  4. :) felice di essere la prima a lasciarti un sassolino piccolo piccolo ma luminoso e caldo....the most important thing is to be brave, always!!!! e tu lo sei, lasciatelo dire!!!

    RispondiElimina
  5. lavoro nel settore e normalmente lo stato ha veramente un'enormità di uscite dal proprio portafoglio per la dispensazione di farmaci in forma gratuita per tutte quelle forme di malattie particolarmente invasive e i cui farmaci sono molto costosi....
    in nostro sistema sanitario è uno dei migliori... uno delle poche cose di cui l'Italia può andare fiera....
    generalmente in tutto il resto del mondo la maggior parte delle cure sono a carico del cittadino... a cui per forza essere sostenuta da un'assicurazione.
    Ti faccio un esempio... una mia amica è andata in turchia e mentre era al ristorante ha avuto un aneurisma....il marito l'ha portata rapidamente in ospedale tra mille peripezie dovute agli eventi ... e lì le hanno detto che non la operavano finchè non ricevevano 30.000 euro ....
    in Italia questo non sarebbe mai successo....
    in America il film sicko la dice lunga sull'argomento....
    il mio intervento vuole esser solo un aiuto a capire determinate motivazioni... tu non è che non abbia le tue ragioni ma purtroppo per la rimborsabilità dei farmaci bisogna mettersi davanti a delle scelte

    RispondiElimina
  6. e io ti abbraccio forte!!!
    Tania

    RispondiElimina
  7. @ Bussola
    Grazie veramente per il tuo commento,chi più di te può sapere come vanno le cose.
    Credimi però se ti dico che anche io credo che il nostro SSN rappresenti l'eccellenza sotto tantissimi punti e molti paesi dovrebbero prenderlo ad esempio.
    L'unica cosa "fastidiosa" che ho voluto sottolineare è che lo stesso identico farmaco, utilizzabile solo ed esclusivamente per due motivazioni gravi quali il cancro e l'aiutare a procreare donne che altrimenti non avrebbero nessuna possibilità di diventare madri, sia a pagamento solo per la donna.
    Io credo che in questo caso specifico ci sia un'ingiustizia di fondo.
    Ti ringrazio di nuovo Bussola e ti prego di non vedermi come l'ennesima ingrada nei confronti del nostro paese, la mia è solo una considerazione che avrei fatto anche se avessi letto lo stesso post su un altro blog.
    Bacioni

    RispondiElimina
  8. Secondo me il tuo ottimismo e le tue sane risate ti aiuteranno più di quanto pensi.

    Quando si è positivi, si è già fatta metà della strada.
    In bocca al lupissimo.

    RispondiElimina
  9. Inanzitutto in bocca al lupo (crepi).
    Poi devo farti i complimenti perchè affronti con pazienza e forza il tutto. Ti riveli una donna veramente determinata e coraggiosa. Grazie per la condivisione di questa esperienza così delicata e "bella" per la gioia che Ti porterà.Facciamo tutti il tifo per Te.
    Per le medicine, condivido, non è giusto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Un gatto, in mezzo a tutta questa femminilità, ci sta come una peperonata a colazione.
    Concordo con te sulla diversità di trattamento sulle cure ormonali; ho il dubbio che nella commissione farmaci non ci sia almeno una donna, altrimenti avrebbe fatto fuoco e fiamme per unificare i trattamenti. Non tanto per la spesa, quanto per il principio.
    Vedo che non ti fai abbattere dalla complessità del viaggio che hai intrapreso, buon sangue non mente.
    AIO'!!!

    RispondiElimina
  11. Io credo nel potere della mente quindi... CREDICI!
    Vedrai che andrà tutto a meraviglia!!!

    Bacione
    Sesè

    RispondiElimina
  12. Un caro abbraccio dal cuore! Buena suerte!

    RispondiElimina
  13. In bocca al lupo davvero. Ti auguro di riuscirci...
    Un abbarccio grande :)

    RispondiElimina
  14. Un abbraccio!!! Ti sono vicina carissima :-)

    RispondiElimina
  15. Sai vista la mia età non so se affronterei mai un percorso del genere. Trovo che tu sia coraggiosa e determinata. Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  16. Sono d'accordo con te per quanto riguarda il farmaco, probabilmente chi l'ha deciso non sa cosa si prova a dover affrontare quello che molto coraggiosamente stai passando ed affrontando te.
    Dai che ce la fai, pensa positivo e credici fino in fondo! Poco tempo fa stavo leggendo un libro "Luna rossa. Capire ed usare i doni del ciclo mestruale" ed ho capito che parlare con il proprio corpo ed in particolar modo con il proprio utero fa bene, sembrano cavolate ma ti assicuro che a me questo libro mi ha aperto un mondo. Prova a parlare con le tue ovaie, magari si convincono davvero a produrre dei super mega ovociti! Io intanto incrocio le dita di mani e piedi per te!
    Un abbraccio
    Lety

    RispondiElimina
  17. Mi raccomando, continua con questa tua strepitosa forza d'animo! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. @ Tutti
    Vi ringrazio tutti per il costante supporto che mi date,per me è importantissimo.
    Vorrei scrivere un pensiero per ognuno di voi ma siete talmente uniti nell'infondermi forza e sicurezza che credo che un GRANDE grazie collettivo sia la cosa migliore da fare.
    Siete grandi!

    RispondiElimina
  19. certe discriminazioni mi indignano oltremodo, tu sei una rocca, continua così!
    un abbraccio stretto

    RispondiElimina
  20. Cara Heidi in effetti questa è una discriminazione bella e buona... ma vabbè in questo momento penso, ma soprattutto spero, che i tuoi pensieri e le tue attenzioni siano rivolti ad altro e non al nostro sistema sanitario nazionale che, pur con tanti difetti, resta uno dei migliori al mondo (per fortuna). Facci avere presto tue notizie e buona fortuna!

    RispondiElimina
  21. Ti ammiro tanto Heidina cara! Continua così!
    bacioni
    Giuliedda

    RispondiElimina
  22. Purtroppo in Italia le leggi che riguardano la fecondazione assistita sono a dir poco vergognose ed arretrate rispetto al resto dell'Europa.Non posso far altro che rinnovarti i miei auguri...In bocca al lupo... :-)

    RispondiElimina
  23. Molto animo! Grazie per il tuo comento nel mio blog!! Si certo ho che cercare il traductore ( ma non so come é la opzione;si, per queste cose sono un po tonta xD) Ma prometo che lo cerco! Per certo mi piace a saco il tuo bloG! Te sigo. Un beso fuertisimo desde Galicia

    RispondiElimina
  24. In bocca al lupo e avanti così, alla faccia di tutte le ingiustizie assurde... ;o)
    Un abbraccio,
    Sally

    RispondiElimina
  25. Che bello aver trovato il tuo riferimento in bacheca (non chiedermi come perchè non lo so) So soltanto che non ti lascio più... Libera.

    RispondiElimina

LinkWithin

Ti potrebbe anche interessare...